Skip links

Posizione Fnovi

Il DDL 2287 bis è sostenuto dalla Federazione Nazionale degli Ordini Veterinari Italiani (FNOVI)  che ha firmato a favore di questo senza interpellare veterinari, etologi, comportamentalisti e ricercatori specializzati nel benessere degli animali esotici. Inoltre non sono state prese in considerazione alcune approfondite ricerche scientifiche, come quelle eseguite a livello metabolico (valutando il livello dell’ormone dello stress – cortisolo) che sono state eseguite nei circhi, in Italia e all’estero dai Dott. Raffaella Cocco e Maurizio Chiesa

In conseguenza di ciò, il Sindacato Italiano Veterinari Liberi Professionisti (SIVELP) ha espresso la sua presa di posizione contro la Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani, esprimendo il suo sdegno e manifestando il loro pensiero con una dettagliata lettera aperta.

Come si può notare dal documento, FNOVI dichiara che la loro sottoscrizione a favore del DDL 2287 bis si basa sul lavoro di tre ricercatori dell’Università di Bristol, che hanno inviato un questionario a 658 esperti e organizzazioni in tutto il mondo, tra i quali 138 addestratori di animali e circhi, 206 avvocati e medici veterinari, 107 dipendenti di organizzazioni non governative, 144 scienziati e 58 membri del personale di zoo e rifugi per animali selvatici.

Precisiamo che:

Non si tratta in realtà di 3 ricercatori dell’Università di Bristol, ma si tratta di Prof. Stephen Harris (biologo mai stato in un circo) coadiuvato dalla sua allieva J.Dorning e da H.W. Pickett (specializzate nel cherry picking)

Come hanno specificato anche loro stessi nel report di Harris, uno di questi questionari risulta essere stato inviato addirittura all’Ente Nazionale Circhi Italiano.

Su ben 658 questionari inviati, le risposte sono state soltanto 94, in quanto come dichiarato anche dallo scienziato Ted Friend, le domande erano per lo più molto fuorvianti.

Desiderando avere informazioni sia dai membri della FVE (Federazione Veterinaria Europei) che dai membri della FNOVI (Federazione Nazionale Ordine dei Veterinari Italiani) abbiamo contattato telefonicamente la Dott.sa Carlotta Bernasconi, vice presidente FNOV, chiedendole delle relazioni scientifiche alla base della sua decisione di firmare a favore del DDL 2287 bis. A tale domanda, ci è stato risposto che le ricerche sono tutte allegate alla documentazione presentata dalla LAV, ma non ha potuto fare a meno di ammettere di non aver mai effettuato alcuna ricerca nei circhi, firmando solo in base ad un suo personale pensiero veterinario/etico.

Questa risposta ci ha lasciato molto perplessi e delusi, visto che ci veniva data da un medico e la sensazione è che in questo caso si abusi del termine “etico”. Un medico che da questo tipo di risposta dimostra di non avere alcun tipo di prova scientifica, eppure la medicina veterinaria si basa sulla scienza e non su sensazioni personali.

In questo caso c’è il tentativo di dimostrare il non benessere animale attraverso l’etica, ma ricordiamoci che in campo medico l’etica viene dopo la scienza, che ai nostri giorni può misurare con precisione il livello dello stress sia negli animali che negli uomini. Per quanto riguarda il significato di etica sia in senso generico che rapportato al benessere degli animali, la Prof. Ron Beadle, dell’Università di Northumbria, afferma che la legge riguardante la dismissione degli animali dai circhi non può assolutamente avvalersi di motivazioni etiche.

Contattando telefonicamente anche il Presidente FNOVI Gaetano Penocchio, abbiamo chiesto come mai avessero firmato senza chiedere nemmeno un parere ai veterinari esperti in animali esotici, inclusi i veterinari che fanno parte dell’albo dell’Ente Nazionale Circhi, i quali seguono da vicino tutti gli esemplari presenti nei circhi.

Il Presidente ha risposto, piuttosto indispettito, che loro sono “la Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiana e che il parere se lo costruiscono da soli”. Inoltre sono state chieste anche a lui le pubblicazioni scientifiche relative ai lavori da loro eseguiti per dimostrare il non benessere degli animali nei circhi. Ebbene il Presidente Pennocchio ci ha risposto che per quanto riguarda le ricerche scientifiche ci saremmo dovuti mettere in contatto con la Dott.sa Veterinaria Roberta Benini (fornendoci tra l’altro egli stesso il numero di telefono).

La Dott.ssa Benini dal canto suo, dopo un lungo giro di parole, ha confermato di non avere mai eseguito nessuna ricerca scientifica che può dimostrare il non benessere degli animali nei circhi. Sottolineiamo poi che la stessa Dott.sa Benini ha ammesso di non operare più sul campo da circa 10 anni. Per sua stessa ammissione, pare che la FNOVI abbia firmato a favore del DDL 2287 bis solo in base alla Ponition-Paper redatta dalla FVE (Federazione Veterinari Europea).

Tale documento è contenuto nel fascicolo presentato dalla LAV per sostenere questa legge, ed è esaminato nell’apposita sezione di questo sito.

In conclusione ci preme puntualizzare che la FNOVI, aderendo il DDL 2287 bis, viene meno persino al proprio giuramento professionale ed ai 10 principi della certificazione veterinaria.

156total visits,2visits today

Return to top of page